News

Obbligo del 30% di riciclato: il no di EuPC

La proposta di PlasticsEurope di rendere obbligatorio l’uso di almeno il 30% di materiale riciclato negli imballaggi entro il 2030 può mettere in seria difficoltà i trasformatori di materie plastiche e i loro clienti.

Non trova il consenso di EuPC la proposta di ieri di PlasticsEurope di rendere obbligatorio l’uso di almeno il 30% di materiale riciclato negli imballaggi entro il 2030. Secondo l’associazione, l’obiettivo è legittimo ma rischia di ricadere sulle spalle dei trasformatori di materie plastiche e sui loro clienti.

Spiega Renato Zelcher, presidente di EuPC: “L’introduzione di contenuto riciclato obbligatorio minaccia i colli di bottiglia della fornitura, come avviene oggi nel mercato europeo dell’rPET. Finché i riciclati richiesti dal mercato non sono ancora disponibili in quantità e qualità sufficienti, c’è il grosso rischio di danni alla qualità e divieti di commercializzazione per i nostri imballaggi in plastica. Nel settore dell’imballaggio alimentare, ad esempio, non sono ancora presenti i presupposti tecnici e legali per l’utilizzo di materiali riciclati. Ciò metterebbe seriamente a repentaglio l’esistenza economica di migliaia di trasformatori di materie plastiche di medie dimensioni e utilizzatori di imballaggi in Europa e i loro investimenti nella circolarità. L’Economia Circolare è una responsabilità condivisa. Chiediamo pertanto un’equa distribuzione degli obblighi legali lungo la catena del valore e il riconoscimento del riciclo chimico da parte dell’UE e delle autorità nazionali. Per salvaguardarsi dalle strozzature dell’offerta, i produttori di plastica dovrebbero essere obbligati a immettere sul mercato dell’UE una proporzione corrispondentemente elevata di riciclati o polimeri circolari. Anche le quote di sostituzione legale per la plastica vergine sono il mezzo di scelta per questo. Si stanno già lavorando a concetti appropriati”.

Promuovere il riciclo chimico

Secondo EuPC occorre promuovere lo sviluppo del riciclo chimico, senza cui non sarà possibile avere materiali plastici riciclati in quantità e qualità appropriate. La competizione tra riciclo chimico e meccanico favorirà la ricerca di soluzioni economiche e ambientali vantaggiose.

Il riciclo chimico – spiega l’associazione in una nota – offre opportunità per l’economia circolare soprattutto dove i flussi di rifiuti sono così pesantemente mescolati e contaminati che i rifiuti di plastica non possono essere separati in modo efficiente e riciclati meccanicamente. Inoltre – prosegue la nota – i processi chimici forniscono materiali riciclati in qualità che potrebbero aiutare a colmare il divario di fornitura nell’area, ad esempio, delle poliolefine riciclate per l’imballaggio alimentare.

Il dibattito è aperto

Alexandre Dangis, amministratore delegato di EuPC, ha aggiunto: “Al fine di rendere la chiusura del ciclo il più economica ed efficiente possibile dal punto di vista climatico, contiamo principalmente sull’ulteriore espansione del riciclo meccanico nel settore degli imballaggi attraverso un’adeguata progettazione e un’elevata qualità nella raccolta differenziata. In nessun caso dovrebbero essere respinti gli sforzi per espandere la raccolta differenziata e la progettazione per il riciclo nella speranza che le nuove tecnologie li rendano obsoleti nel prossimo futuro. La Commissione europea non ha ancora presentato una proposta per le quote di utilizzo del materiale riciclato, ma sta attualmente esaminando vari approcci normativi per aumentare il suo uso. Una prima proposta è prevista entro la fine dell’anno. Chiediamo che tutti gli approcci siano soggetti a una valutazione dell’impatto in modo scientifico e imparziale, al fine di evitare danni economici ed errori ecologici. I trasformatori di plastica sono aperti a discutere e a lavorare con i produttori di polimeri e con tutte le parti interessate nei prossimi mesi in combinazione con il lavoro in corso nella Commissione UE”.

production mode