Attualità

Trasformare gli scarti della stampa 3D in ricambi auto

Per Ford la stampa 3D ha il potenziale per rivoluzionare la personalizzazione di parti di veicoli. In collaborazione con HP ha trovato il modo per prolungare la vita industriale delle polveri e delle parti stampate già utilizzate, trasformandole in componenti per il pick-up Super Duty F-250.

Ford continua a guidare il futuro della stampa 3D in campo automobilistico, questa volta collaborando con HP per riutilizzare in modo innovativo le polveri e le parti stampate in 3D a fine vita, chiudendo il ciclo e trasformandole in parti di veicoli stampate a iniezione: una novità nel settore.

La sostenibilità è una priorità per entrambe le società che attraverso ricerche congiunte ha raggiunto questa soluzione ecocompatibile. Le parti stampate a iniezione realizzate sono migliori per l’ambiente senza compromessi in termini di durata e standard di qualità richiesti da Ford e dai suoi clienti.

I materiali riciclati vengono utilizzati per produrre i ganci che bloccano i tubi del carburante, stampati a iniezione e installati per primi sul pick-up Super Duty F-250. Le parti hanno una migliore resistenza chimica e all’umidità rispetto alle versioni convenzionali, sono più leggere del 7% e costano il 10% di meno. Il team di ricerca Ford ha identificato altri 10 clip del tubo del carburante sui veicoli esistenti che potrebbero trarne vantaggio con un uso innovativo del materiale e sta pensando di applicarlo su modelli futuri.

“Trovare nuovi modi per lavorare con materiali sostenibili, ridurre gli sprechi e guidare lo sviluppo dell’economia circolare è una vera passione per Ford “, ha affermato Debbie Mielewski, Technical fellow di Ford, Sustainability. “Molte aziende stanno trovando ottimi impieghi per le tecnologie di stampa 3D, ma, insieme ad HP, siamo i primi a dare un valore elevato alla domanda di rifiuti in polvere che probabilmente sarebbero andati in discarica, trasformandoli in funzionali e durevoli ricambi auto”.

Le stampanti 3D HP sono progettate per un’elevata efficienza, con sistemi e strutture per ridurre al minimo il materiale in eccesso e riutilizzare una percentuale maggiore dei materiali inseriti all’interno. Lavorando con Ford, che utilizza la tecnologia di stampa 3D di HP presso l’Advanced Manufacturing Center dell’azienda, il team ha creato questa soluzione che produce zero rifiuti.

Processi produttivi più sostenibili

“Con il 3D si ottengono processi di produzione più sostenibili, ma ci sforziamo sempre di fare di più, guidando il nostro settore nel trovare nuovi modi per ridurre, riutilizzare e riciclare polveri e parti”, ha affermato Ellen Jackowski, responsabile della sostenibilità e responsabile dell’impatto sociale di HP. “La nostra collaborazione con Ford estende inoltre i vantaggi ambientali della stampa 3D, mostrando come stiamo riunendo industrie completamente diverse per fare un uso migliore della produzione utilizzando materiali esausti, dando vita a una nuova economia circolare”.

Da parte sua, Ford sta sviluppando nuove applicazioni che utilizzano un gran numero di processi e materiali diversi per la stampa 3D, inclusi filamenti, sabbia, polveri e polimerizzazione in vasca liquida. L’azienda utilizza già la stampa 3D per diverse parti di veicoli commerciali di bassa tiratura, nonché dispositivi utilizzati dagli operai della catena di montaggio, risparmiando tempo e migliorando la qualità. Ford ha l’obiettivo di utilizzare materiali sostenibili al 100% sui suoi veicoli.

“Una chiave per raggiungere i nostri obiettivi di sostenibilità e risolvere i problemi più ampi della società è lavorare con altre aziende che la pensano allo stesso modo – non possiamo farlo da soli”, ha detto Mielewski. “Con HP, abbiamo definito il problema degli scarti, risolto le sfide tecniche e abbiamo trovato una soluzione in meno di un anno, il che è qualcosa di cui siamo tutti orgogliosi”.

Collaborazione tra aziende

Altre tre società hanno aiutato Ford e HP a rendere possibile il raggiungimento del risultato del progetto. SmileDirectClub, l’azienda di igiene orale di nuova generazione con la prima piattaforma medtech per raddrizzare i denti, opera con la più grande struttura di sistemi di stampa 3D HP negli Stati Uniti. La flotta aziendale di oltre 60 stampanti 3D HP produce più di 40 mila allineatori al giorno. Le parti stampate in 3D esauste vengono raccolte e riciclate con HP per aumentare la disponibilità di materiale di Ford.

Il produttore di resina Lavergne, un partner di lunga data di HP nel campo del riciclo, trasforma i pezzi stampati e la polvere scartata da Ford in pellet di plastica riciclata di alta qualità, adatti per lo stampaggio a iniezione. I pellet vengono quindi stampati diventando clip del tubo del carburante del fornitore ARaymond che progetta, ingegnerizza e produce sistemi di assemblaggio.

production mode