News

Fitterling (Dow): “Il riciclo degli imballaggi plastici genera nuovo valore”

La crescente domanda dei consumatori di imballaggi sostenibili sta portando a un fenomeno di sovrapprezzo per la plastica riciclata. È quanto ha affermato Jim Fitterling, CEO di Dow, durante la teleconferenza – riportata da Icis – sui risultati del secondo trimestre del gruppo chimico americano.

Fitterling ha precisato: “Stiamo assistendo a una reale spinta della domanda dei consumatori e dei brand owner che vogliono più materiale riciclato post-consumo o vogliono più materiale prodotto da una fonte biologica o qualcosa che è fatto con il riciclo avanzato per ottenere nuove materie prime e prodotti. Stiamo iniziando a vedere sovrapprezzi. Ci sono brand owner che annunciano di praticare prezzi più alti per i materiali riciclati per affrontare la circolarità e penso che sia il segno che i loro clienti lo vogliono”.

Il costo aggiuntivo sul packaging sarebbe in realtà molto basso: potrebbe aggiungere $ 0,01 al costo al dettaglio del prodotto. Tuttavia, c’è un costo significativo lungo la catena del valore per produrre questi materiali.

Oggi più dell’80% del portafoglio di imballaggi di Dow è completamente riciclabile o riutilizzabile e l’obiettivo dell’azienda è di portarlo al 100%.

Negli Stati Uniti, gli investimenti nel riciclo sia meccanico che chimico stanno aumentando e più stati stanno approvando progetti di riciclo chimico.

Gli stati si muovono verso il riciclo chimico

Secondo John McKeon, membro dell’Assemblea del New Jersey, una dozzina di Stati degli Usa ha approvato una legislazione a favore del riciclo dei prodotti chimici. Hanno inoltre introdotto un disegno di legge per classificare gli impianti di riciclo dei prodotti chimici come destinatari finali di rifiuti di plastica piuttosto che come impianti di rifiuti solidi.

Ciò esenterà il materiale plastico lavorato negli impianti di riciclo chimico dalle leggi statali che regolano lo smaltimento e il riciclo dei rifiuti solidi. Tale legislazione sul riciclo chimico è osteggiata da alcuni gruppi ambientalisti che indicano la sicurezza, le emissioni e l’intensità energetica come le principali preoccupazioni.

“Penso che il prossimo grande impatto sarà sulle infrastrutture a livello statale e locale per consentire una maggiore raccolta del riciclo di più prodotti”, ha detto Fitterling che ha aggiunto: “Negli Stati Uniti abbiamo molta strada da fare per arrivare al 35% di riciclo che c’è in Europa”.

Dow ha l’obiettivo di raggiungere la raccolta, il riutilizzo o il riciclo di 1 milione di tonnellate di plastica entro il 2030 attraverso azioni dirette e partnership.

Redesign del packaging

C’è attenzione tra le aziende di marchi di largo consumo per rendere gli imballaggi più semplici e quindi più facili da riciclare. Gli imballaggi in plastica multistrato, sebbene efficaci nella funzione poiché ogni strato ha una funzione, sono più difficili da riciclare.

“Per le plastiche vergini penso che il driver che contribuirà di più sarà la riprogettazione del packaging flessibile. Molti imballaggi sono complicati e difficili da riciclare”, ha affermato Fitterling, “Tutti i brand owner stanno lavorando alla riprogettazione del packaging per passare da strutture complesse ad altre più semplici”.

Dow ha collaborato con Kellogg per progettare una busta stand-up flessibile riciclabile con le prestazioni di un imballaggio multistrato, utilizzando la tecnologia RecycleReady di Dow che utilizza una combinazione di resine, adesivi e compatibilizzanti. Bear Naked ha introdotto il nuovo imballaggio flessibile nella sua linea di prodotti nell’agosto 2019.

Riciclare la plastica in prodotti più duraturi

Insieme al riciclo dei rifiuti di imballaggi plastici, ci sono utilizzi finali più durevoli per tale materiale.

“Penso che ci sia una domanda che spinge a portare i prodotti di imballaggio riciclati verso applicazioni più durevoli e longeve: materiali da costruzione, aggregati per strade, pavimentazioni architettoniche, tutte cose che stanno migliorando l’uso di fine vita delle plastiche”, ha detto Fitterling.

I consumatori, i brand owner, i produttori e i trasformatori di plastica sono tutti sulla stessa lunghezza d’onda quando si tratta di prodotti a basse emissioni di carbonio e più riciclabili: “Le politiche del governo devono supportare la transizione”, ha concluso Fitterling, “Vogliamo fare investimenti in quest’area, ma vogliamo che quegli investimenti aumentino il valore. Le politiche non ci sono in questo momento. E ciò che stiamo cercando di elaborare è il giusto insieme di politiche di cui abbiamo bisogno per realizzare investimenti che creino valore in futuro”.

production mode