Attualità

Stampa 3D, dal prototipo alla produzione

La stampa 3D viene sempre più applicata alla produzione, non solo alla realizzazione di prototipi. È questo uno dei dati più interessanti contenuti nello studio “State of 3D Printing” di Sculpteo che presenta una rilevazione annuale dei trend del mercato della stampa 3D e del digital manufacturing.

di Paolo Spinelli

Mentre l’industria è ancora in piena espansione, gli usi e le applicazioni della stampa 3D continuano ad evolversi, rendendo questa tecnologia una modalità di produzione come le altre e diventando così un settore di business. E’ quanto emerge dallo studio internazionale “State of 3D Printing”, realizzato da Sculpteo, società attiva nella stampa 3D online e nel digital manufacturing, che realizza un rapporto annuale sul settore.  Ogni anno Sculpteo raccoglie dati sull’industria della stampa 3D per evidenziare le tendenze generali in questo mercato dinamico e in crescita. Hanno preso parte allo studio di quest’anno quasi mille intervistati da 62 paesi diversi e da vari settori come i beni di consumo, l’industria, le nuove tecnologie, i servizi e persino la salute.
Come dimostra lo studio, la stampa 3D è una tecnica di produzione sempre più diffusa: quest’anno il 49% degli intervistati ha aumentato le sue spese per questa tecnologia, con un budget medio di continua a crescere: 9.504 di dollari nel 2017, rispetto ai 6.132 del 2016 e ai 3.736 del 2015. Notiamo anche che la produzione additiva è una leva di business. In effetti, il 47% degli intervistati ha visto un ritorno sull’investimento maggiore rispetto al 2016 e il 90% considera la stampa 3D come un vantaggio competitivo nella propria strategia.

Usi e applicazioni della stampa 3D nel 2017

Come nel 2016, la stampa 3D viene principalmente utilizzata per accelerare lo sviluppo del prodotto (28%), ma anche per offrire prodotti personalizzati (16%) o per beneficiare di una maggiore flessibilità nella produzione (13%). Inoltre, le applicazioni continuano ad evolversi in quanto i prototipi rappresentano solo il 34% della produzione nella stampa 3D (rispetto al 50% nel 2016). Gli studi di fattibilità, che hanno rappresentato il 30% nel 2016, sono ora del 23% nel 2017, quasi quanto la produzione (22%), grazie alle diverse tecnologie di finitura sempre più efficienti.
In termini di materiali, la plastica è ancora il materiale più utilizzato (88% degli intervistati) perché rimane la più economica e offre molte possibilità tra cui quella della colorazione. La resina è anche tra i materiali più usati (35%), generalmente scelta per la sua resistenza e resistenza. Poi arriva il metallo (28%), che ha anche un grande potenziale, perché costituisce un’alternativa che consente di risolvere più problemi: riduzione dei costi (11%), produzione di piccole serie (9%) e complessità delle parti (9%).

Beni di consumo

L’indagine Sculpteo analizza poi alcuni settori in cui la stampa 3D trova applicazione. Quello dei beni di consumo è un settore molto dinamico per la stampa 3D. Quest’anno, gli investimenti in stampa 3D sono aumentati significativamente di più in questo settore rispetto alla media (62% contro 49%) e il 78% degli intervistati si aspetta di aumentarli nuovamente nel 2017. Il ritorno sull’investimento è in forte crescita: il 49% degli intervistati ha detto di aver osservato un maggiore ROI rispetto allo scorso anno, rispetto al 40% dello studio precedente. La stampa 3D è sicuramente vista come un vantaggio competitivo (95%).
La priorità principale per questo settore è accelerare lo sviluppo del prodotto (29%). La stampa 3D è uno strumento fondamentale per queste aziende per raggiungere gli
obiettivi fissati. La stampa 3D viene utilizzata principalmente per la prototipazione (33%) e per la produzione (22%). Anche se la plastica è ancora il materiale più usato per la stampa 3D di beni di consumo, l’uso dei metalli è in forte aumento.
L’anno scorso sono stati utilizzati solo dal 31% delle aziende di questo settore che hanno risposto all’indagine. Quest’anno, questo il numero è salito al 36%. Anche l’arenaria multicolore ha guadagnato nuovi utenti: il suo utilizzo in questo settore ha visto un aumento di 4 punti in un anno.

Beni industriali

Anche il settore dei beni industriali è molto dinamico quando si tratta di stampa 3D. Quest’anno, gli investimenti in stampa 3D sono aumentati significativamente di più in questo settore rispetto alla media (70% contro 49%), e anche di più del settore dei beni di consumo (62%). Questa tendenza è qui per rimanere: 78% degli intervistati aspettiamo che aumenti di nuovo nel 2017. Il ritorno degli investimenti è in forte aumento: il 50% degli intervistati ha dichiarato di aver visto un ROI maggiore rispetto all’ultimo anno. La stampa 3D è sicuramente considerata un vantaggio competitivo (94%).
La priorità principale per gli intervistati è quella di accelerare lo sviluppo del prodotto, anche più che nel settore dei beni di consumo (37% contro 29%). Le altre principali priorità sono molto diverse dai risultati globali del sondaggio: aumento della flessibilità di produzione e riduzione degli investimenti in attrezzature è significativamente maggiormente quotato rispetto alla media (19% e 15% contro 13% e 9%).
Il settore dei beni industriali ha pienamente abbracciato il grande potenziale della stampa 3D e le aziende lo usano per più di un utilizzo: la prototipazione è ancora quello principale, ma anche la produzione e la presentazione di concept sono davvero importanti rispetto ai risultati globali (33% e il 29% contro il 22% e il 23%).

Settore high tech

L’High Tech è un settore con un alto potenziale per la stampa 3D. Gli intervistati tendono a vedere meglio il ritorno dell’investimento rispetto ad altri settori. Il 54% hanno detto di aver osservato un ROI maggiore rispetto all’anno scorso, mentre il 47% degli intervistati globali ha detto così. Anche questa dinamica è qui per restare: l’83% si aspetta che spese per la stampa 3D crescano nel prossimo anno, mentre solo il 72% dei nostri intervistati ha detto così.
Le persone sembrano avere più esperienza sulla stampa 3D nel settore High Tech. Il 71% si considera intermedio o esperto, mentre sono è solo il 60% a dirlo nel sondaggio globale. La stampa 3D viene principalmente utilizzata prima che i prodotti siano lanciati: aiuta le aziende ad accelerare lo sviluppo del prodotto, ma non è l’unico caso di utilizzo citato.
Le persone che lavorano nelle aziende di alta tecnologia tendono a utilizzare la stampa 3D per aumentare la flessibilità della produzione (18% contro 13% per il campione globale), quindi la usano principalmente per la prototipazione, ma anche per la prova dei concept che è una tendenza particolare di questo settore. Il 27% dei nostri intervistati utilizza la stampa 3D per questo, mentre sono solo il 23% nel campione globale.

Servizi

I servizi sono un mercato molto promettente, abbastanza diverso da altri settori quando si parla di stampa 3D. Il 71% degli intervistati di questo settore hanno dichiarato di aver notato un ROI maggiore rispetto allo scorso anno nella stampa 3D, mentre solo il 47% degli intervistati globali ha detto così.
L’integrazione della stampa 3D all’interno delle aziende è piuttosto particolare: le aziende hanno affermato sia di essere prima la stampa 3D aziende (39% contro il 15% per il campione globale), sia che la stampa 3D è molto separata dalle altre lavorazioni (25%). Il 45% ha detto di essere un principiante nella stampa 3D.
Anche le priorità differiscono molto dall’indagine generale. Il 34% vuole offrire prodotti personalizzati e in serie limitata, mentre sono solo il 16% quando prendiamo in considerazione tutti i diversi settori. Anche abilitare la co-creazione è una priorità principale.

Europa e America: le principali tendenze

Sia in America che in Europa, la stampa 3D è vista come un vantaggio competitivo che genererà un aumento della spesa nei prossimi mesi e anni. Tuttavia, la percezione del ritorno dell’investimento non è la stessa. Il 45% degli americani pensa di aver avuto un migliore ritorno sull’investimento lo scorso anno contro il 37% degli europei. In termini di utilizzo, negli Stati Uniti ci si concentra principalmente sulla progettazione e sulla produzione (23% e 17% contro il 18% e 14%), mentre gli europei sono più interessati alla ricerca & sviluppo (26% contro il 18%). Il 69% degli europei è un utente esperto di stampa 3D, contro il 59% degli americani; tuttavia la stampa 3D è più integrata nei programmi aziendali americani che europei (43% contro 34%).

Conoscenze tecniche e formazione

Tra tutti gli intervistati dell’inchiesta di Sculpteo, solo il 20% si considera esperto, il 40% come intermediario e il 40% principiante. Non sorprende che la stampa 3D richieda forti capacità tecniche. Il 97% dei candidati cercati sono profili tecnici (solo il 3% dei project manager). Di conseguenza, l’esperienza nel settore dovrebbe crescere significativamente nei prossimi anni.

Domanda in aumento del 24% all’anno

La domanda mondiale di stampanti 3D aumenterà con un ritmo annuale del 24% fino a 5,4 miliardi di dollari nel 2021. La domanda di stampanti su base regionale segue ampiamente il mercato generale della stampa 3D. Tutte le regioni globali registreranno una crescita superiore al 20% all’anno fino al 2021. Queste e altre tendenze sono presentate in Global 3D Printing Markets, un nuovo studio di The Freedonia Group, una società di ricerche di settore con sede a Cleveland.
I tipi di stampanti che guidano la crescita nei mercati del Nord America e dell’Europa Occidentale saranno diversi da quelli dei mercati emergenti della regione Asia/Pacifico. Gli utenti finali della regione si sposteranno sempre più verso la stampa 3D per applicazioni di produzione su piccola scala, attratte dal risparmio di manodopera e materiali. Nella regione Asia/Pacifico, in particolare in Cina, le stampanti desktop economiche registreranno la crescita più rapida, stimolata dal loro basso prezzo di acquisto e dall’uso esteso in contesti educativi.
Nel 2016, la domanda di stampanti 3D è stata di 1,8 miliardi di dollari. Le stampanti per prototipazione rappresentavano il 70% di tutte le richieste di stampanti 3D in termini di valore, seguite dalle stampanti di produzione con il 24%. Secondo l’analista Zoe Biller, “Nonostante il predominio delle vendite unitarie, le stampanti desktop rappresentavano solo il 6% del mercato dell’hardware di stampa in termini di valore”.
Nel 2021, la domanda generale di stampanti sarà guidata da una più ampia adozione di stampanti di produzione e desktop. La stampa 3D per applicazioni di prototipazione è relativamente matura nei settori in cui è già più diffusa: automobilistica, aerospaziale, progettazione di prodotti di consumo e per assistenza sanitaria.

 

Stampa 3D

Stampa 3D