Attualità

Plastics Economy Global Commitment: una linea nella sabbia

Il nuovo “Plastics Economy Global Commitment”, presentato alla conferenza Our Ocean di Bali, per eliminare l’inquinamento plastico alla fonte. Il documento è stato firmato da 250 tra i maggiori produttori di imballaggi, organismi politici, organizzazioni non governative e produttori di materiali plastici.

Il Global Commitment ha già raggiunto 250 firme dai più grandi produttori di imballaggi del mondo, brand, rivenditori, NGO, politici, riciclatori e altre imprese, per combattere ed eliminare alla fonte il problema dei rifiuti di plastica e dell’inquinamento plastico.

Il nuovo Plastics Economy Global Commitment è guidato dalla Ellen MacArthur Foundation, in collaborazione con Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, ed è stato svelato ufficialmente svelato alla Conferenza “Our Ocean” a Bali.

Tra i firmatari sono comprese le aziende che rappresentano il 20% di tutti gli imballaggi di plastica a livello mondiale, incluse anche note aziende di consumer come Danone, il gruppo H&M, L’Oreal, MARS, PepsiCo, The Coca-Cola Company e Unilever, oltre ad importanti produttori di materie plastiche e imballaggi come Amcor e Novamont e specialisti nella gestione delle risorse come Veolia.

Il Global Commitment e la sua Vision per un’economia circolare per la plastica sono supportati da WWF, e sono stati approvati dal World Economic Forum, The Consumer Goods Forum (un’organizzazione guidata dal CEO che rappresenta circa 400 rivenditori e produttori di 70 paesi) e da 40 università, istituzioni e accademie. Più di dieci istituti finanziari con oltre 1 trilione di dollari in risparmio gestito hanno approvato il Global Commitment e oltre 200 milioni di dollari sono stati promessi da cinque fondi di venture capital per creare un’economia circolare per la plastica.

Il Global Commitment ha l’obbiettivo di creare una “nuova norma” per gli imballaggi in plastica. I target saranno rivisti ogni 18 mesi e diventeranno sempre più ambiziosi. Le aziende che firmano il Global Commitment pubblicheranno dati annuali sui loro progressi per contribuire a sviluppare il progetto e garantirne la trasparenza.

Economia circolare delle plastiche

La fondatrice della Ellen MacArthur Foundation, Ellen MacArthur, ha dichiarato: “Lo sappiamo, ripulire le nostre spiagge e gli oceani dalla plastica è di vitale importanza, ma ciò non ferma la marea di plastica che entra negli oceani ogni anno. Dobbiamo spostarci verso la fonte del problema. Il Global Commitment di New Plastics Economy traccia una linea nella sabbia, con le imprese, i governi e altri enti in tutto il mondo che si uniscono dietro una visione chiara di ciò di cui abbiamo bisogno di creare: un’economia circolare per la plastica. Questo è solo un passo di quello che sarà un viaggio impegnativo, ma che può portare a enormi benefici per la società, l’economia e l’ambiente. Invito tutti i firmatari ad andare oltre e intraprendere un percorso di miglioramento continuo nella creazione di un’economia circolare per la plastica. Un’ economia in cui questo materiale non diventi mai rifiuto o inquinamento”.

Pavan Sukhdev, presidente di WWF International, ha dichiarato: “La crisi della plastica può essere risolta solo unendo gli sforzi di tutti i principali attori nel sistema. La strategia del World Wide Fund for Nature (WWF) in materia plastica è difendere, amplificare e accelerare una serie di iniziative connesse al cambiamento; quindi stiamo lavorando a stretto contatto con altre organizzazioni chiave, come la Ellen MacArthur Foundation, per trasmettere un messaggio congiunto sul nostro ambizioso obbiettivo comune e per sviluppare gli strumenti necessari per raggiungerlo in partenariato con aziende, società civile, governi e cittadini. Il WWF sostiene quindi il Global Commitment The New Plastics Economy in quanto lo consideriamo un importante passo avanti per unire gli sforzi delle imprese e dei governi in giro il mondo verso efficaci soluzioni a livello di sistema”.

Il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, che guida il “Global Partnership on Marine Litter” e la sua campagna “Clean Seas” che lo scorso mese ha anche lanciato la “Global Plastics Platform” per sostenere gli sforzi internazionali per contrastare l’inquinamento plastico, sfrutterebbe il suo potere di convocazione per incentivare l’impegno dei governi e di altri player chiave nel Global Commitment.

Il direttore esecutivo Erik Solheim ha dichiarato: “La plastica oceanica è una delle più visibili e inquietanti esempi di una crisi dell’inquinamento plastico. Il Global Commitment della New Plastics Economy è il più ambizioso insieme di obiettivi che abbiamo visto nella lotta per battere l’inquinamento plastico.

Stabilisce i passi che le imprese e i governi devono intraprendere per trovare una soluzione alle cause profonde dell’inquinamento plastico e sollecitiamo tutti coloro impegnati nell’affrontare questo problema globale a firmarlo”.

La Vision del Global Entrepreneur Plastics Economy

Il cuore del Global Commitment è la creazione di un’economia circolare per la plastica, in cui le materie plastiche non diventino mai rifiuti. Ogni firmatario sostiene formalmente la visione e la necessità di lavorare per raggiungerla.

Il Global Commitment è definito da sei punti chiave:

  • eliminazione di imballaggi in plastica problematici o non necessari attraverso la riprogettazione, innovazione e nuovi modelli di consegna;
  • i modelli di riutilizzo vengono applicati laddove necessario, riducendo la necessità di imballaggi monouso;
  • tutte le confezioni di plastica sono riutilizzabili al 100%, riciclabili o compostabili;
  • tutti gli imballaggi di plastica vengono riutilizzati, riciclati o compostati nella pratica;
  • l’uso della plastica è completamente disaccoppiato dal consumo di risorse limitate;
  • tutti gli imballaggi di plastica sono privi di sostanze chimiche pericolose e devono essere rispettate la salute, la sicurezza e i diritti di tutte le persone coinvolte.

La Fondazione Ellen MacArthur

La Fondazione Ellen MacArthur è stata lanciata nel 2010 per accelerare la transizione verso un’economia circolare. Con i suoi partner scientifici (Arup, IDEO, McKinsey & Company e Systemiq), la Fondazione lavora per quantificare l’opportunità di un modello economico più circolare e per sviluppare nuovi approcci per acquisirne il valore.

La Fondazione collabora con i suoi partner globali (Danone, Google, H & M, Intesa Sanpaolo, NIKE Inc., Philips, Renault, Solvay, Unilever), con i Core Philanthropic Funders (SUN, MAVA, giocatori di People’s Postcode Lottery (GB)) e con il suo network (aziende, università, innovatori emergenti, governi, città, organizzazioni affiliate), per costruire capacità, esplorare opportunità di collaborazione e sviluppare iniziative commerciali circolari.

The New Plastics Economy

Negli ultimi quattro anni, l’iniziativa New Plastics Economy della Ellen MacArthur Foundation ha riunito imprese e governi dietro una visione comune di un’economia circolare per la plastica. La sua New Plastics Economy nel 2016 e nel 2017 è stata riportata dai media di tutto il mondo, rivelandone i costi finanziari e ambientali causati dai rifiuti di plastica e dall’inquinamento plastico.

Nell’ultimo anno ha riunito 15 aziende leader impegnate a lavorare per imballaggi in plastica riutilizzabili, riciclabili o compostabili al 100% entro il 2025. Il Global Commitment porta questo lavoro a un livello successivo – creando una coalizione globale di leader che hanno il potere di prevenire l’inquinamento plastico alla fonte.

L’iniziativa è supportata da Wendy Schmidt come Lead Philanthropic Partner, Global Environment Facility (GEF), MAVA Foundation, Oak Foundation e figure del People’s Postcode Lottery (GB) come i Philanthropic Funders. Amcor, The Coca-Cola Company, Danone, MARS, Novamont, PepsiCo, Unilever e Veolia sono i partner principali dell’iniziativa.

UN environment

L’UN environment è la principale voce mondiale per la salvaguardia dell’ambiente globale. Fornisce leadership e incoraggia la partnership nella cura dell’ambiente, ispirando, informando e consentendo alle nazioni e ai popoli di migliorare la loro qualità di vita senza compromettere quella delle generazioni future.

L’UN environment collabora con i governi, il settore privato, la società civile e con altre entità delle Nazioni Unite e organizzazioni internazionali in tutto il mondo.

Gli obiettivi

Eliminare la plastica inutile e problematica è una parte essenziale della Vision del Global Commitment, e renderà più facile mantenere la plastica restante nell’economia ma fuori dall’ambiente:

  • eliminare imballaggi in plastica problematici o non necessari e passare dal monouso al riutilizzo dei modelli di imballaggio;
  • innovare per garantire che il 100% degli imballaggi di plastica possa essere riutilizzato, riciclato o compostato in modo facile e sicuro entro il 2025;
  • Far circolare la plastica prodotta aumentando significativamente la quantità di plastica riutilizzata, riciclata e trasformata in nuovi imballaggi o prodotti.

Eliminare la plastica inutile e problematica è una parte essenziale della Vision del Global Commitment, e renderà più facile mantenere la plastica restante nell’economia ma fuori dall’ambiente.

 

Le statistiche chiave

I ricercatori stimano che siano stati prodotti più di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica dai primi anni ’50. Circa il 60% di quella plastica è finito in discarica o nell’ambiente. Più del 99% delle materie plastiche sono composte da prodotti chimici derivati da petrolio, gas naturale e carbone – tutte risorse non rinnovabili.

Se le attuali tendenze continuassero, entro il 2050 l’industria della plastica potrebbe rappresentare il 20% del consumo totale mondiale di petrolio e sempre entro il 2050 potrebbe esserci più plastica che pesci nell’oceano.

 

production mode