News

Componente semilavorato realizzato con Ultramid Advanced N di Basf

Basf ha sviluppato Ultramid Advanced N5H UN, una poliftalammide (PPA) compatibile con la produzione di parti semilavorate tramite il processo di estrusione. L’azienda specializzata in materie plastiche Gehr, con sede a Mannheim in Germania, utilizza la nuova PPA per produrre parti semilavorate estruse dal diametro di 50 millimetri. Il nuovo materiale Ultramid Advanced N offre eccellenti caratteristiche meccaniche a temperature elevate, grazie alla sua struttura chimica semi-aromatica. Mostra una straordinaria resistenza alle sostanze chimiche e all’idrolisi, anche in ambienti aggressivi, oltre a buone proprietà di attrito radente, tutto a temperature superiori a 100°C. Grazie al ridotto assorbimento di acqua, le sue proprietà meccaniche rimangono stabili in un ampio intervallo termico. Anche negli ambienti umidi, questo materiale a catena lunga e ad alte prestazioni mostra la stabilità dimensionale propria delle poliammidi migliori.

Tale profilo qualitativo rende Ultramid Advanced N il materiale perfetto per l’estrusione di componenti pre-fabbricati e piccoli assiemi ma anche per svariate applicazioni nel settore automobilistico, dell’ingegneria meccanica e degli accessori da cucina. Durante la lavorazione, il comportamento dei prodotti semilavorati oscilla tra quello di una poliammide e quello di un poliossimetilene copolimero, con costante e uniforme formazione e rimozione di trucioli.

“Gehr è la prima azienda che utilizza con successo una PPA per l’estrusione. Grazie alla sua esperienza in questo processo, Gehr ha sviluppato prodotti semilavorati che possono essere fabbricati senza interruzione e difetti”, ha dichiarato Philipp Wenz, responsabile del gruppo delle vendite nella divisione Performance Materials di Basf. “Non possiamo affermare con certezza che si tratti del primo componente semilavorato realizzato dalla poliftalammide. Sicuramente, il potenziale di questo materiale ad alte prestazioni non è ancora stato sfruttato appieno nel mercato delle parti semilavorate e una delle ragioni potrebbe essere la difficoltà di estrusione delle poliftalammidi tradizionali”. Ultramid Advanced N5H colma il divario che si è creato nel mercato tra le parti semilavorate realizzate in poliarileterchetoni e polietersulfoni da una parte e prodotti semilavorati creati da materiali plastici per l’ingegneria dall’altra. Rispetto agli ultimi, la PPA di Basf può essere utilizzata in modo continuativo a temperature operative di gran lunga superiori a 120 °C. Inoltre, è adatta per profili diversi dalle barre.

Bernhard Grosskinsky, Head of Application Technology in Gehr, spiega: “La poliftalammide di Basf è molto più semplice da lavorare rispetto alle altre PPA disponibili sul mercato. Ci offre un’ampia finestra di lavorazione e al contempo un’elevata stabilità di fusione. La qualità del materiale rimane invariata, consentendoci di mantenere una produzione costante delle nostre parti semilavorate. E infine, caratteristica altrettanto importante: la PPA di Basf semplifica la produzione di componenti finiti dai prodotti semilavorati tramite un processo di lavorazione successivo”.

Le barre estruse di Gehr consentono di produrre una vasta gamma di applicazioni: componenti con temperature di funzionamento molto elevate e parti di pompe che richiedono una stabilità dimensionale esatta sono solo alcuni esempi, insieme a ingranaggi, alloggiamenti di termostati e guide di scorrimento. Nel settore automobilistico, questo materiale è particolarmente adatto per quei componenti che entrano in contatto con olio di motore e trasmissione, liquidi di raffreddamento e anti-ghiaccio, acidi e sostanze saline. Le parti che richiedono proprietà di attrito radente elevate possono essere impiegate anche ad alte temperature grazie all’eccellente resistenza all’impatto del materiale e al trascurabile tasso di usura.

 

 

production mode