News

Il Regno Unito continuerà ad esportare rifiuti plastici. Grazie alla Brexit

L’Unione Europea ha vietato dal 1° gennaio l’esportazione di rifiuti plastici misti e contaminati verso i paesi in via di sviluppo. Con l’uscita dall’Unione, il Regno Unito non adotterà tale divieto.

Mentre l’amministrazione Boris Johnson ha chiesto un divieto totale dell’esportazione di rifiuti plastici, è tutt’altro che certo che questa aspirazione diventerà legge del Regno Unito. Nel frattempo, gli attivisti ambientali hanno espresso delusione per questo nuovo precedente che vede il Regno Unito, grazie alla Brexit, assumere posizioni molto meno rigorose di quelle del resto d’Europa. Affermano che già a maggio 2019 era risaputo che l’Europa avrebbe incluso la plastica mista e contaminata (Y48) nel  divieto di esportazione nei paesi in via di sviluppo. Non si capisce perché il Regno Unito non avrebbe potuto fare lo stesso.

“Il Regno Unito ha avuto quasi due anni per recepire il divieto di esportazione dei rifiuti plastici dell’UE nella legge britannica”, ha affermato Jim Puckett, direttore esecutivo del controllo globale del commercio dei rifiuti di Basel Action Network (BAN). “Avevamo pensato che il Regno Unito avrebbe almeno seguito l’UE, e quindi è uno shock scoprire ora che invece ha scelto di avere una procedura di controllo molto più debole che può ancora consentire le esportazioni di plastica contaminata e difficile da riciclare verso i paesi in via di sviluppo”.

Il Regno Unito è uno dei principali esportatori di rifiuti plastici nel sud-est asiatico; 6.896 tonnellate sono state esportate verso Malesia, Pakistan, Vietnam e Indonesia nel settembre dello scorso anno. La maggior parte delle destinazioni sono strutture per la gestione dei rifiuti considerate al di sotto degli standard. Tali strutture possono esporre i lavoratori a emissioni di composti organici volatili e, nel contempo, inquinare le acque superficiali e sotterranee e rilasciare in atmosfera emissioni altamente tossiche derivanti dalla combustione aperta o grezza di materiale non riciclabile.

“È inquietante vedere che il Regno Unito vuole continuare la sua negligenza nella gestione dei rifiuti utilizzando i paesi in via di sviluppo come discarica – una pratica che sarebbe stata vietata se fossero rimasti nell’UE”, ha detto Yuyun Ismawati della Fondazione Nexus3. “In Indonesia, abbiamo documentato grandi quantità di rifiuti plastici importati dal Regno Unito e scaricati e bruciati nelle comunità agricole da riciclatori scadenti che possono effettivamente riciclare solo una piccola percentuale dei rifiuti”.

Si spera che il Regno Unito adotti misure immediate per vietare tutte le esportazioni di rifiuti di plastica e diventare così autosufficiente nella gestione dei rifiuti.

production mode