ECONOMIA – Articoli

21 settembre 2017

Dal Maschio, innovazione internazionale

Lo sforzo di innovazione tecnica e commerciale di Dal Maschio, azienda produttrice di robot e automazione per l'industria delle materie plastiche.



Grazie alla ultra ventennale presenza nel mercato brasiliano, la Dal Maschio ha partecipato anche quest’anno alla Fiera Brasilplast 2017 tenutesi dal 20 al 24 Marzo 2017 a San Paolo, fiera che ha visto la partecipazione di moltissimi espositori e visitatori brasiliani e sudamericani. Presso lo stand della filiale brasiliana e quello di una primaria azienda italiana costruttrice, sono stati esposti tre robot complessivamente. In particolare, nel proprio stand, sono stati presentati sia un robot strutturalmente molto resistente e preciso, rinforzato nella meccanica e destinato a presse di media dimensione per le quali si richiedano elevate precisioni di posizionamento, movimentazione di carichi elevati o per impiego come fine-linea (ciclo totale 6 secondi), sia un secondo robot dotato di doppia rotazione elettrica e particolarmente adatto a presse medio/grandi, ed al quale il doppio asse servocomandato permette un ottima possibilità di movimentazione e controllo.  Nello spazio espositivo della azienda produttrice di presse, invece, è stata realizzata una applicazione con robot a entrata laterale modello Snap Tank, per un processo In Mould Labelling nello stampaggio di una vaschetta, con stampo a 2 cavità e ciclo totale di 3,8 secondi, in grado di richiamare l’attenzione dei visitatori per la alta velocità del ciclo.
L’importanza commerciale del Paese ospitante, e la parte ‘del leone’ svolta in Brasile da Dal Maschio e dalla filiale brasiliana (unico produttore locale, dal 1999, di robot) sono state ancora una volta confermate dall’elevato numero di visite da parte di clienti potenziali, nuovi, e da parte di clienti già consolidati, cui hanno fatto seguito, durante la fiera stessa, molte vendite di automazioni e robot.  
Successivamente alla partecipazione al Brasil Plast, Dal Maschio vola in Cina per partecipare alla più grande fiera asiatica del settore, il Chinaplas tenutosi a Guangzhou nel mese di maggio. La Dal Maschio ha esposto uno dei suoi robot più apprezzati, un DMG2 con tecnologia IML posizionato su una pressa del mercato levantino. Nonostante la DM non giocasse in casa e fosse una tra i pochi espositori europei di robotica, ha avuto un notevole riscontro da parte dei visitatori appartenenti al Paese ospitante ed ai Paesi limitrofi, Taiwan, Korea, Giappone, Thailandia, India, consentendo l’ingresso in queste nuove realtà sempre più emergenti.  
La Dal Maschio ora lavora per la sua seconda spedizione commerciale in territorio asiatico, al Chinaplas di Shanghai, e auspica un brillante risultato così come il buon antenato, e concittadino, Marco Polo viaggiò alla scoperta dell’Asia. 
Dalle fiere in aree e mercati lontani e di nuova apertura, ad una in un Paese di esportazione storica per la Dal Maschio: il Regno Unito, dove Dal Maschio sta organizzando la presenza alla esposizione internazionale Interplas di Birmingham, dal 26 al 28 settembre prossimi.  
Qui, naturalmente, il focus sarà diverso da quello delle fiere sopra menzionate, e sarà rivolto al mantenimento e rafforzamento dell’attuale clientela mediante iniziative di marketing e di ‘service upgrade’ supportato dall’agenzia locale.
Altro Paese di tradizionale interesse in Europa, per la Dal Maschio, è la Spagna, dove la partecipazione alla diciottesima edizione della ‘Equiplast’ di Barcellona (dal 2 al 6 ottobre 2017) sarà occasione per presentare due altre automazioni speciali, particolarmente complesse e performanti.

Gli sviluppi e la ricerca tecnica sul prodotto
Secondo recenti studi nel triennio ‘17-’20 vi saranno notevoli investimenti nell’Advanced Automation generati dai nuovi D.Lgs. che riguarderanno l’adeguamento tecnologico secondo ’Industry 4.0’. 
La Dal Maschio resterà al passo con la quarta rivoluzione industriale ed attraverso opportuni moduli ed implementazioni tecniche renderà possibile alle proprie automazioni il comunicare col sistema gestionale superiore, consentendo al supervisore di analizzare l’andamento della produttività e monitorando in tempo reale lo stato della macchina, direttamente dal proprio ufficio. D’altronde, grazie agli incentivi ed ai vantaggi fiscali promossi dallo Stato, sarà possibile un risparmio fiscale fino al 70% del bene acquistato e rientrante in questa filosofia costruttiva. 
La Dal Maschio, guardando oltre a questo pur importante step, accelera e lavora già in previsione della prossima standardizzazione, l’Euromap 79, che permetterà ai propri robot di interfacciarsi con le macchine ad iniezione, in modo totalmente indipendente dal costruttore. 
Tutto ciò ha richiesto un potenziamento dell’organico al lavoro su questi progetti (dei quali darà a breve riscontri concretamente visibili presso i propri clienti), in aggiunta ai già programmati obiettivi:
riprogettazione della gamma di robot, con l’obiettivo di presentare macchine sempre più performanti ad un ottimo rapporto qualità/prezzo, e fornitura di automazioni speciali, concepite per ogni singola realtà produttiva, alla quale fornire un vero e proprio servizio ‘chiavi in mano’.
L’azienda affronta queste sfide forte della competenza e del numero dei propri tecnici, in grado di realizzare isole di lavoro complete, altamente performanti e adatte ad ogni contesto.  
Ma accanto alla professionalità delle persone è necessaria la piena disponibilità di strumenti di produzione veloci e moderni. Ecco allora, in sintesi, gli ultimi sforzi dell’azienda, per la crescita sia come potenziale umano che produttivo:
- assunzione di una decina di nuovi dipendenti: cinque unità tra Ingegneri e progettisti, all’interno dell’Ufficio Tecnico, e del nuovo ufficio di Ricerca & Sviluppo, ed altri cinque addetti ai vari reparti produttivi;
- acquisto di un nuovo centro di lavoro a controllo numerico, a quattro assi.
 
Ultime proposte commerciali
Da quanto precede si intuisce il costante sforzo produttivo ed innovativo della Azienda, ma anche la consapevolezza delle proprie ampie potenzialità commerciali, visto il più che positivo feedback ricevuto nelle varie occasioni di incontro con il mercato, sopra citate. In Italia l’azienda ha lanciato una proposta per la ‘rottamazione’ dei robot costruiti nel passato, di solito ancora regolarmente funzionanti pur con qualche acciacco dovuto all’età, ma la cui sostituzione con una unità di nuova fabbricazione (e concezione) garantisce al cliente performance produttive sicuramente migliori in termini di velocità, controllo e precisione nei movimenti, ripetibilità di posizionamento, salvataggio e gestione dei cicli, interconnessione con il resto della fabbrica… Ed è proprio quest’ultima caratteristica, di cui abbiamo parlato sopra, che consente, assieme ad uno sconto promozionale per ‘rottamazione’, un risparmio complessivo (tra fiscale ed immediato) di oltre l’80% del prezzo di acquisto… un vero affare per il cliente che conferma la tradizionale posizione dell’azienda quale leader nel settore dei robot per presse medio-grandi.